Terzo Aperitivo di Project Management 2015 – Foto e Commenti

Nuova interessantissima serata per il 3° Aperitivo di Project Management 2015. Ad aprire la serata Giancarlo Duranti (Direttore Programmi e Sviluppo Professionale) che ha illustrato ai presenti le attività e le numerose iniziative del PMI Rome Italy Chapter. E’ stata dunque la volta di Lucia Renzulli che ha affrontato il tema del Change Management e le relazioni con il Project Management. Lucia ha presentato i risultati di recenti survey (tra cui quelle del PMI) che evidenziano le strategie vincenti per gestire il cambiamento ed i Progetti. Tra le competenze necessarie per il Project Manager (in accordo al Project Management Talent Gap Report): Leadership, Technical Management, Strategic and Business Management che contempla il Change Management. Il Report “Managing Change Organizations, a Practice Guide” del PMI evidenzia come il 75% delle Organizzazioni considerano la leadership la competenza necessaria per gestire il cambiamento navigando tra la complessità dei Progetti. La leadership è dunque una leva per il Change Management. Il Change Management è l’applicazione di un processo strutturato che si avvale di un set di strumenti per gestire “the people side of change”: il cambiamento organizzativo implica il cambiamento individuale, i risultati di un cambiamento organizzativo sono il risultato del cambiamento dei singoli. Le persone sono dunque  al Centro del Cambiamento. Quindi spazio alla metodologia Prosci, ed il framework Project Change Triangle (PCT) che prevede ai vertici: Leadership/SponsorShip, Project Management, Change Management la cui contemporanea applicazione produce il raggiungimento degli obiettivi di progetto nel rispetto dei vincoli e dei costi. Nel Change Management devono essere coinvolti tutti i livelli aziendali: dal Top Management, al Middle Management, ai Project Manager e Project Leader, a tutto il personale. I Project Manager e i Project Leader devono valutare l’entità del cambiamento e l’impatto sulle persone e sui gruppi. Spazio poi ad una survey sul grado di resistenza al cambiamento che Lucia ha sottomesso a tutti i partecipanti, e i cui risultati saranno pubblicati a breve. Ultima parte della lezione sugli Indicatori e sui Passi del Cambiamento (A.D.K.A.R) della metodologia Prosci: Awareness dei bisogni dei cambiamenti, Desire di supportare il cambiamento motivazionale personale, Knowledge del cambiamento con conoscenze, skills  e comportamenti richiesti, Ability per realizzare nuova skills, Reinforcement. Ma alla Base di tutto c’è la Motivazione, leva essenziale per il cambiamento. L’Organizzazione deve motivare le persone attraverso l’analisi dei bisogni, dei valori, applicando le teorie motivazionali, comprendendo il senso di autoefficacia. Infine una overview del Processo Organizzativo per Gestire il Cambiamento: Creare il Cambiamento, Favorire e Promuovere il Cambiamento, Consolidare il Cambiamento.  Appuntamento a Maggio per il 4° Aperitivo di Project Management. Stay tuned !

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

 

Tag:

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: