1° APERITIVO DI PROJECT MANAGEMENT 2014 – Foto e Commenti

Qualità Manageriali e Leadership nel ruolo di Project Manager – La valutazione delle competenze psicologiche e come riconoscere la “Toxic Leadership”

Grande affluenza ieri 4 giugno in occasione della ripresa degli Aperitivi di Project Management, presso la nuova location della Libreria Assaggi a Roma. Tra gli associati intervenuti una decina sono delle new entry per questa particolare tipologia di evento, che favorisce la reciproca conoscenza all’interno del nostro network professionale. Dopo il gradito e ricco aperitivo, il nostro ospite, il Professor Andrea Castiello d’Antonio, ha coinvolto i partecipanti sul tema delle Qualità Manageriali e Leadership nel ruolo di Project Manager, focalizzandosi sulla valutazione delle competenze psicologiche e su come riconoscere la “Toxic Leadership”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fin dalle prime fasi lo speaker ha toccato le giuste corde emotive degli associati, che sono intervenuti ripetutamente sul tema, esponendo le proprie opinioni e spesso facendo riferimento a casi realmente vissuti nelle proprie realtà aziendali di leadership malata, tossica o abrasiva. Castiello ha introdotto il tema citando subito il famigerato caso “Enron”, verificatosi nonostante la presenza di un codice etico che enunciava tra i suoi valori il rispetto, l’integrità, la comunicazione e la spinta verso l’eccellenza. Questo è potuto succedere perché si è verificato un deragliamento della leadership, fenomeno studiato da americani, inglesi e soprattutto australiani e ribattezzato come psicopatologia del management. Lo speaker ha poi spiegato le motivazioni che portano la leadership a deragliare: omettere azioni di gestione verso il team e commettere azioni lesive dell’integrità dei collaboratori. Il concetto di leadership è cambiato durante la 2° guerra mondiale, quando uno psichiatra inglese, trovatosi al comando di carri armati sul fronte ha capito che il capo era colui che veniva riconosciuto dal basso e non imposto dall’alto. Ma come fare a difendersi dalla toxic leadership? Bisogna imparare a riconoscere i primi segnali deboli, manipolativi, le imposizioni, le minacce, l’arroganza, cercando di non rimanere isolati e reagire con decisione ai primi attacchi pesanti. Castiello ha poi toccato i temi del workplace bullying, cogliendo alcune analogie del mondo animale; del management by stress, che ottiene il controllo delle persone sovraccaricandole di lavoro ed impedendo di alzare la testa; della perversione dell’autorità di ruolo, relativo alle relazioni up-down che tendono a rimanere fisse nel tempo per convenienza reciproca.

Il piacevole scambio di punti di vista si è chiuso dopo un paio d’ore di conversazione che sono volate via, giusto il tempo di salutarci piacevolmente dandoci appuntamento per il prossimo aperitivo previsto il 25 giugno.

 

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: